Poste Italiane cda, Consiglio di Amministrazione

2 Luglio 2014 Commenti chiusi

Il Consiglio di Amministrazione di Poste Italiane ha esaminato le attività svolte nell’ultimo mese. La quotazione di Poste Italiane è un progetto di respiro strategico e di grande rilievo economico e finanziario. La presentazione del Piano Industriale quinquennale sarà condiviso con l’azionista di riferimento e discusso con i sindacati nelle prossime settimane. Quanto ad Alitalia, l’alleanza con un partner industriale può creare le premesse per il potenziamento e il rilancio della Compagnia aerea.

Il CdA ha esaminato le attività svolte nell’ultimo mese da Poste Italiane nella preparazione della quotazione e ha preso atto dell’impegno con cui l’Azienda sta lavorando su questo complesso progetto.

La quotazione di Poste Italiane è un progetto di respiro strategico e di grande rilievo economico e finanziario e va dunque realizzata nelle migliori condizioni possibili, nell’interesse dell’azionista di riferimento, dei futuri investitori e di tutto il Paese per le ricadute finanziarie, industriali e di immagine che avrà anche sui mercati internazionali.

LogoPoste

Poste Italiane ha continuato a lavorare in stretto contatto con il Governo e sta definendo una tabella di marcia che prevede anche la presentazione del Piano Industriale (quinquennale) che sarà condiviso con l’azionista di riferimento e discusso con i sindacati nelle prossime settimane.

Quanto ad Alitalia, l’alleanza con un partner industriale può creare le premesse per il potenziamento e il rilancio della Compagnia aerea. Non sono però ancora stati forniti da Alitalia tutti gli elementi necessari ad una compiuta valutazione dell’impatto che un accordo con Etihad potrá avere sulla struttura del capitale e del debito dell’azienda.

L’interesse di Poste Italiane continua ad essere legato principalmente alle sinergie industriali e commerciali da realizzare nel settore della logistica; il CDA di Poste Italiane valuterà, comunque, eventuali nuovi investimenti solo dopo un’attenta analisi dei ritorni economici e finanziari associati al piano industriale, alla struttura societaria dell’accordo e alla valorizzazione della sua quota azionaria.

FONTE: Poste Italiane

Giuseppe Coccon nuovo Responsabile Comunicazione di Poste Italiane

3 Giugno 2014 Commenti chiusi

Gruppo Poste Italiane, costituita la funzione Comunicazione, Relazioni Esterne e Relazioni Istituzionali la cui responsabilità è affidata, con decorrenza 14 luglio 2014, aGiuseppe Coccon. La funzione riporterà direttamente all’Amministratore Delegato Francesco Caio.

Le prospettive di sviluppo strategico aziendale vedono nel processo di comunicazione verso i clienti, le istituzioni e i lavoratori un fattore fondamentale per promuovere, consolidare e tutelare l’immagine dell’Azienda e del Gruppo favorendo una conoscenza consapevole e diffusa degli obiettivi di business.

Allo scopo di garantire la gestione unitaria e integrata di questi processi viene costituita, alle dirette dipendenze dell’Amministratore Delegato Francesco Caio, la funzione Comunicazione, Relazioni Esterne e Relazioni Istituzionali la cui responsabilità è affidata, con decorrenza 14 luglio 2014, a Giuseppe Coccon.

LogoPoste

La neo-costituita funzione avrà la responsabilità di garantire la definizione, lo sviluppo e la realizzazione delle strategie di comunicazione esterna e interna e le attività di rappresentanza istituzionale del Gruppo finalizzate a veicolare efficacemente il ruolo e l’immagine di Poste Italiane tra i diversi soggetti istituzionali.

Giuseppe Coccon, 47 anni, Laurea in Giurisprudenza, lascia Avio Aero, Gruppo General Electric, dove ricopriva da 3 anni il ruolo di Direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali. In passato è stato anche Direttore Comunicazione del Gruppo Barilla e Responsabile Ufficio Stampa di Federchimica (Confindustria).

FONTE: Poste Italiane

Poste Vita bond: successo per l’emissione obbligazionaria da € 750 milioni

27 Maggio 2014 Commenti chiusi

Poste Vita, la compagnia assicurativa del Gruppo Poste Italiane, ha lanciato con successo sui mercati l’emissione obbligazionaria subordinata a tasso fisso e durata di 5 anni per un importo complessivo di 750 milioni di euro. Il bond subordinato Tier 2 solvency I structure ha ricevuto una domanda superiore a 3 miliardi di euro, maggiore di 4 volte il target ed ha suscitato il forte interesse degli investitori esteri, che hanno sottoscritto circa il 56% del totale. Il 44% dell’emissione è stato destinato a investitori istituzionali nazionali. L’emissione sarà quotata presso la Borsa del Lussemburgo.

Poste Vita_Poste Assicura

Pieno successo sui mercati per l’emissione obbligazionaria subordinata a tasso fisso e durata di 5 anni per un importo complessivo di 750 milioni di euro lanciata da Poste Vita, la compagnia assicurativa del Gruppo Poste Italiane.

Il bond subordinato Tier 2 solvency I structure ha ricevuto una domanda superiore a 3 miliardi di euro, maggiore di 4 volte il target ed ha suscitato il forte interesse degli investitori esteri, che hanno sottoscritto circa il 56% del totale. Nello specifico, il 22% è stato sottoscritto da investitori inglesi e irlandesi, il 16% è stato collocato in Francia e circa l’8% è stato acquistato da società tedesche. Il 44% dell’emissione è stato destinato a investitori istituzionali nazionali.  L’esito complessivo dell’operazione conferma l’apprezzamento del mercato per la qualità e le prospettive del Gruppo Assicurativo Poste Vita.

Logo Poste Italiane

L’emissione è stata finalizzata ad incrementare il capitale regolamentare a sostegno della continua crescita e dei piani di sviluppo della Compagnia e si è rivolta a investitori istituzionali.

L’operazione è stata anticipata da un roadshow che ha toccato le piazze finanziarie di Milano, Londra e Parigi tra il 16 e il 20 maggio. A seguito dei riscontri positivi ricevuti dagli investitori, nella mattina di mercoledì 21 maggio, è stata annunciata una guidance iniziale di spread in area 235 punti base.

Considerata la significativa domanda ricevuta, dopo circa 2 ore lo spread finale è stato fissato a 215 punti base, per una cedola pari al 2,875% ed un relativo prezzo di emissione del 99,597%.

L’emissione è stata realizzata con il supporto di Banca IMI, Barclays, Mediobanca, UniCredit Bank (StructuringAdvisors, Global Co-ordinators e Joint Bookrunners), Citigroup, J.P. Morgan Securities plc e SociétéGénérale CIB (Joint Bookrunners) e sarà quotata presso la Borsa del Lussemburgo.

I termini dell’emissione sono stati fissati come segue:

Emittente: Poste Vita S.p.A.
Rating Atteso Emissione: BBB (Fitch)
Importo: €750 milioni
Data di lancio: 21 maggio 2014
Data di regolamento: 30 maggio 2014
Scadenza: 30 maggio 2019
Cedola: 2,875%
Prima data di pagamento interessi: 30 maggio 2015
Prezzo di emissione: 99,597%

FONTE: Poste Italiane

Poste Italiane: Francesco Caio nuovo Amministratore Delegato e Direttore Generale

8 Maggio 2014 Commenti chiusi

Poste Italiane: il nuovo Consiglio di Amministrazione nomina Francesco Caio Amministratore Delegato e Direttore Generale

Si è riunito a Roma per la prima volta sotto la presidenza di Luisa Todini, il nuovo Consiglio di Amministrazione di Poste Italiane Spa nominato dall’Assemblea ordinaria svoltasi lo scorso 2 maggio.

Logo Poste Italiane

Il Consiglio ha nominato Francesco Caio quale Amministratore Delegato e Direttore Generale della Società.

Il Consiglio ha altresì provveduto a ricostituire al proprio interno il Comitato Compensi, composto dai Consiglieri Antonio Campo Dall’Orto, con funzione di presidente, ed Elisabetta Fabri.

FONTE: Poste Italiane

Poste Kit del Turista, l’iniziativa che punta a valorizzare il “Made in Italy”

21 Aprile 2014 Commenti chiusi

Poste Italiane ha scelto la città di Matera, patrimonio Unesco, per il lancio dell’iniziativa che punta a valorizzare il “Made in Italy” creando nuove sinergie nei servizi turistici. Il “Kit del Turista” è una soluzione integrata di servizi che accompagna il visitatore nella sua esperienza di viaggio, prima, durante e dopo la sua permanenza. Il “Kit” offre coupon per l’ingresso nei musei e nei siti culturali, una card per usufruire di sconti su alberghi, ristoranti e l’acquisto di prodotti locali, un voucher promozionale valido per una spedizione e la possibilità di scaricare un’App per rinviare cartoline personalizzate direttamente dal telefonino.

Poste Italiane Matera Kit del Turista

Parte da Matera il lancio del “Kit del Turista”, l’iniziativa di Poste Italiane che punta a valorizzare il “Made in Italy” creando nuove sinergie nei servizi turistici.

Il “Kit del Turista” è, infatti, una soluzione integrata di servizi che accompagna il visitatore nella sua esperienza di viaggio, prima, durante e dopo la sua permanenza.

In particolare, il “Kit” offre coupon per l’ingresso nei musei e nei siti culturali, una card per usufruire di sconti su alberghi, ristoranti e l’acquisto di prodotti locali, un voucher promozionale valido per una spedizione e la possibilità di scaricare un’App per rinviare cartoline personalizzate direttamente dal telefonino.

Una volta ritornati a casa si potrà inoltre acquistare online, su un sito dedicato, gli oggetti e i prodotti tipici apprezzati durante il viaggio.

Logo Poste Italiane

Matera, riconosciuta come patrimonio dell’umanità per l’Unesco e città candidata a Capitale Europea della Cultura 2019, è stata scelta per il lancio dell’iniziativa realizzata in collaborazione con le istituzioni locali: Regione Basilicata, Azienda di Promozione Turistica, Comune e Camera di Commercio di Matera.

Da oggi i turisti che si recheranno nel comune lucano, potranno acquistare il “Kit del Turista” al prezzo promozionale di 21,50 euro, usufruendo di tutti i vantaggi che permettono di scoprire con facilità gli aspetti più interessanti della città.

Poste Italiane ha coinvolto nel progetto anche l’Associazione dei Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco, che si occupa delle funzioni di programmazione, coordinamento e realizzazione di attività dirette alla protezione e alla valorizzazione dei beni naturali e culturali.

Per maggiori informazioni sul “Kit del Turista” è possibile consultare il sitowww.postepay.it e i siti istituzionali della Regione Basilicata, dell’APT e del Comune di Matera.

Dove acquistare il “Kit città di Matera”

  • Bookshop Museo MUSMA – Via Recinto Cavone 5 – 75100 Matera
  • Ferula Viaggi – Via Cappelluti 34 – 75100 Matera
  • Welcome Lucania – Viale Martiri di Nassiria e Via Bologna 4 – 75025 Policoro (MT)
  • Hotel Palazzo Viceconte – Via San Potito 7 - 75100 Matera
  • Palace Hotel – Piazza Michele Bianco – CAP 75100 Matera
  • Hotel S. Domenico – Via Roma 15 – CAP 75100 Matera
  • Mediateca Provinciale di Matera – Palazzo dell’Annunziata – Piazza V. Veneto – 75100 Matera

FONTE: Poste Italiane

BancoPosta Studi, il finanziamento che sostiene l’istruzione dei propri figli

13 Settembre 2013 Commenti chiusi

Poste Italiane rinnova l’intento di favorire l’istruzione, venendo incontro alle necessità delle famiglie. Anche quest’anno, infatti, propone un finanziamento che sostiene lo studio dei figli e valorizza il loro futuro. Sarà disponibile fino al 31 dicembre negli uffici postali abilitati, il Prestito BancoPosta Studi, che permetterà di ottenere fino a 5.000 euro per famiglia rimborsabili da 12 a 24 rate mensili. Per maggiori informazioni www.poste.it o numero verde 803.160.

Prestito BancoPosta Studi

E’ iniziato l’anno scolastico. Poste Italiane, come negli anni scorsi, nell’intento di favorire l’istruzione e venire incontro alle necessità delle famiglie, propone un finanziamento che sostiene lo studio dei figli e valorizza il loro futuro.

Disponibile fino al 31 dicembre 2013, Prestito BancoPosta Studi offre condizioni vantaggiose e si può richiedere nei principali uffici postali, con l’accredito in pochi giorni sul proprio conto BancoPosta. Permette di ottenere 1.000 euro per ogni figlio iscritto alla scuola elementare o alla media inferiore, 2.000 euro se è iscritto alla scuola media superiore, 3.000 euro se invece frequenta l’università, corsi professionali o di specializzazione. L’importo massimo erogabile è di 5.000 euro per famiglia, rimborsabili da 12 a 24 rate mensili, addebitate direttamente sul conto BancoPosta.

Logo Poste Italiane

Ad esempio si possono ottenere 3.000 euro e restituirli in 24 rate mensili di euro 135,82 (Tan fisso 8,10% Taeg 8,65%)*.

Per conoscere indirizzo e orario di apertura degli uffici postali abilitati e per ricevere maggiori informazioni, si può consultare il sito internet www.poste.it o chiamare il numero verde 803.160.

* Importo totale del credito: 3000 euro; costo totale del finanziamento: 277,30 € di cui Interessi 259,68 €, imposta sostitutiva 7,50 € e 10,12 € interessi di preammortamento; Importo totale dovuto: 3277,30 €. Esempio calcolato in data di erogazione al 12 agosto 2013, interessi di preammortamento calcolati su un periodo di 15 giorni

FONTE: Poste Italiane

NFC: PosteMobile contactless, rivoluziona i sistemi di pagamento

21 Agosto 2013 Commenti chiusi

PosteMobile, disponibile il nuovo sistema di pagamento “contactless”. Grazie alla tecnologia NFC, nei negozi abilitati, si possono effettuare pagamenti con il telefonino, avvicinando semplicemente il cellulare al Pos dell’esercente. La SIM NFC, in cui è integrata una carta prepagata Postepay NewGift digitale, può essere acquistate nei Corner PosteMobile abilitati presenti negli uffici postali (l’elenco completo è disponibile su postemobile.it).

NFC PosteMobile Contactless

PosteMobile apre una nuova frontiera nello stile di vita degli Italiani e rende disponibile sul mercato l’innovativo sistema di pagamento “contactless” tramite tecnologia NFC (Near Filed Communication – comunicazione di prossimità) che permette di pagare nei negozi abilitati semplicemente avvicinando lo Smartphone al Pos dell’esercente, grazie all’integrazione dei servizi di PosteMobile con quelli di pagamento di BancoPosta.

Partita da Milano nel dicembre scorso, PosteMobile estende ora anche a Roma e Torino la vendita delle nuove SIM NFC abilitate ai pagamenti “contactless” da smartphone per poi arrivare in tutta Italia nel corso del 2013. Le SIM NFC possono essere acquistate nei Corner PosteMobile abilitati presenti negli uffici postali (l’elenco completo è disponibile su postemobile.it).

LOgo Poste mobile

Il meccanismo per gli acquisti “in prossimità” è molto semplice: con la SIM NFC di PosteMobile, nella quale è già integrata una carta prepagata Postepay NewGift digitale, il cellulare NFC dialoga con i nuovi POS abilitati ai pagamenti contactless. E’ sufficiente attivare e ricaricare la Postepay, abilitare il pagamento tramite l’App PosteMobile NFC e quindi avvicinare il cellulare al POS per eseguire in tutta semplicità e sicurezza l’operazione di pagamento. Per gli importi fino a 25 euro non è necessario digitare il Pin della carta, che resta invece obbligatorio per importi superiori o se richiesto in fase di pagamento.

A breve la tecnologia NFC sarà in dotazione anche negli uffici postali e sui palmari dei portalettere per consentire ai clienti il pagamento di bollettini, raccomandate o pacchi tramite cellulare. Poste Italiane sarà dunque la prima a offrire alla propria clientela l’intera piattaforma di servizio.

L’adozione della nuova tecnologia NFC rappresenta la naturale evoluzione nei pagamenti da cellulare di PosteMobile, l’operatore mobile del Gruppo Poste Italiane, che conta attualmente circa 3 milioni di clienti attivi, e che fin dal suo lancio, ha scelto un posizionamento distintivo tale da capitalizzare anche l’integrazione con il mondo dei servizi finanziari e postali di Poste Italiane.

Nel prossimo futuro l’applicazione NFC consentirà di rendere disponibili sul cellulare anche servizi di e-Government della PA per l’identificazione e il riconoscimento digitale, smaterializzando e trasferendo direttamente sulla SIM la carta d’identità, il passaporto, la tessera sanitaria, la patente e la firma elettronica. Anche con questo nuovo servizio Poste italiane conferma il proprio ruolo di partner privilegiato della PA.

I nuovi servizi NFC vanno ad aggiungersi alla gamma dei Remote Financial Services, servizi finanziari e di pagamento in mobilità già disponibili con PosteMobile mediante l’associazione della SIM a uno degli strumenti di pagamento BancoPosta. Attualmente sono oltre 1 milione di clienti abilitati ai servizi finanziari da telefonino che ha generato nel 2012 un transato complessivo superiore ai 250 milioni di euro.

La tecnologia sviluppata da PosteMobile per i Remote Financial Services ha recentemente ottenuto dall’European Patent Organisation (EPO) di Monaco il riconoscimento per il brevetto internazionale “Method based on a SIM Card performing services with high security features”, valido in 34 Paesi aderenti alla Convenzione sul Brevetto Europeo.

FONTE: Poste Italiane

Poste Italiane lancia la nuova App “saluti e foto”

8 Agosto 2013 Commenti chiusi

Poste Italiane lancia la nuova App “saluti e foto”. Da oggi, grazie alla nuova applicazione per smartphone e tablet, tutti potranno creare una cartolina con le proprie fotografie e inviare un messaggio firmato con la propria grafia. “Saluti&foto” potrà essere scaricata gratuitamente, su smartphone e tablet iOS e Android. Per inviare le cartoline basterà acquistare i crediti necessari, utilizzando le più comuni forme di pagamento elettronico. Ulteriori informazioni su https://posteapp.poste.it/salutiefoto/.Poste Italiane lancia la nuova App “saluti e foto”. Da oggi, grazie alla nuova applicazione per smartphone e tablet, tutti potranno creare una cartolina con le proprie fotografie e inviare un messaggio firmato con la propria grafia. “Saluti&foto” potrà essere scaricata gratuitamente, su smartphone e tablet iOS e Android. Per inviare le cartoline basterà acquistare i crediti necessari, utilizzando le più comuni forme di pagamento elettronico. Ulteriori informazioni su https://posteapp.poste.it/salutiefoto/.

Poste1

L’app “saluti&foto” rende di nuovo attuale il fascino della cartolina, che diventa personalizzata e torna testimone delle emozioni, delle vacanze, dei ricordi più belli. Da oggi infatti, grazie alla nuova applicazione PosteApp per smartphone e tablet, tutti potranno creare una cartolina con le proprie fotografie e inviare un messaggio firmato con la propria grafia. L’immagine stampata sarà poi inviata per posta verso qualsiasi destinazione e sarà consegnata dal portalettere.

PosteIpad_480

L’app “saluti&foto” è un nuovo esempio dell’attenzione che Poste Italiane rivolge al rilancio della cartolina e della posta di tipo personale, in quanto testimonianza tangibile di affetto e ricordo da inviare ai propri cari. La nuova applicazione di PosteApp sa coniugare perfettamente l’esigenza di fornire un servizio divertente e innovativo, con il recupero di una tradizione forte in tutto il mondo. Spedire cartoline con l’app “saluti&foto” tornerà dunque di gran moda.

SalutiFoto_480

Creare la cartolina è davvero semplice. Si scatta una foto o se ne seleziona una dalla propria galleria, si personalizza l’immagine nelle dimensioni e con gli effetti desiderati, infine si sceglie la cornice. La cartolina sarà completata dal messaggio di saluto nel carattere e nel colore preferito. Dopo averla firmata e aver inserito l’indirizzo del destinatario, sarà pronta per essere spedita e consegnata dal portalettere.

Logo Poste Italiane

“saluti&foto” potrà essere scaricata gratuitamente, su smartphone e tablet iOS e Android. Per inviare le cartoline basterà acquistare i crediti necessari, utilizzando le più comuni forme di pagamento elettronico.

Per tutte le informazioni sulla app “saluti&foto” si può visitare il sitohttps://posteapp.poste.it/salutiefoto/ .

FONTE: Poste Italiane

Poste Mobile Sim: brevetto tecnologia servizi bancari da cellulare

6 Agosto 2013 Commenti chiusi

L’European Patent Organisation, organismo intergovernativo che sovrintende la concessione di brevetti a valenza internazionale, ha riconosciuto a PosteMobile il brevetto per la tecnologia che consente di effettuare transazioni bancarie, finanziarie e postali attraverso il “Method based on a SIM Card performing services with high security features”, un meccanismo che garantisce elevati standard di sicurezza. Il brevetto ottenuto dalla società del Gruppo Poste Italiane avrà efficacia in 34 Paesi aderenti all’organismo di certificazione.

PosteMobile_500

L’European Patent Organization (EPO), organismo intergovernativo che sovrintende la concessione di brevetti a valenza internazionale, ha riconosciuto a PosteMobile l’operatore di telefonia di Poste Italiane, il brevetto per il procedimento ideato dalla società che consente di effettuare transazioni bancarie, finanziarie e postali attraverso un meccanismo che garantisce elevati standard di sicurezza (“Method based on a SIM Card performing services with high security features”).

Il riconoscimento del brevetto dà a Poste Mobile i diritti di proprietà intellettuale sul sistema messo a punto e apre nuovi scenari commerciali. Dal punto di vista operativo, infatti, il sistema di invio in sicurezza di informazioni destinate a identificare in modo certo il mittente e il contenuto del messaggio inviato, è applicabile da PosteMobile(e solo se autorizzati da quest’ultima, da terzi ) anche su tecnologie e strumenti, diversi dalla carta SIM.

Il brevetto si estende all’intero processo di autenticazione del titolare della Carta SIM a partire dalla fase di generazione dei codici di accesso, sino alla trasmissione dei dati delle operazioni effettuate e dell’esito da e verso le piattaforme bancarie/finanziarie attraverso SMS cifrati e firmati digitalmente.

Poste Mobile

Il brevetto Epo oltre a riconoscere a PosteMobile la proprietà intellettuale del sistema impedisce a terzi il libero utilizzo e la commercializzazione del metodo messo a punto da PosteMobile nei 34 Paesi aderenti all’EPO (Austria, Belgio, Bulgaria, Svizzera/Liechtenstein, Cipro, Repubblica Ceca, Germania, Danimarca, Estonia, Spagna, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Croazia, Ungheria, Irlanda, Islanda, Italia, Lituania, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Malta, Principato di Monaco, Polonia, Portogallo, Romania, Svezia, Slovenia, Slovacchia e Turchia).

PosteMobile è l’operatore di telefonia mobile del Gruppo Poste Italiane leader nei Remote Financial Services, con oltre 1 milione di clienti abilitati che generano un transato annuo complessivo di pagamenti da cellulare superiore ai 250 milioni di euro. Nato a fine 2007, oggi ha 3 milioni di clienti attivi. Fin da subito si è imposto sul mercato con una gamma di servizi distintivi che trasformano il telefonino in un portafoglio elettronico. Il sistema per cui ha ottenuto il brevetto europeo è già applicato a tutti i servizi per i pagamenti e i trasferimenti di denaro in mobilità (m-payment, m-commerce, m-banking) offerti da PosteMobile e accessibili sia dalla SIM sia da APP. Il cliente può effettuare dal cellulare e in piena sicurezza, operazioni informative e dispositive sul conto corrente BancoPosta e sulla carta prepagata Postepay per acquistare beni e servizi; pagare bollettini, fare bonifici e trasferimenti di denaro, ricaricare il cellulare o la carta. PosteMobile punta ora alla leadership anche nei Mobile Proximity Services, tramite la commercializzazione di SIM di nuova generazione che integrano la nuova tecnologia NFC che permette di fare acquisti in tutti i punti vendita in Italia abilitati, semplicemente avvicinando il proprio telefono al POS.

FONTE: Poste Italiane

Poste Italiane apre le porte della Cina alle aziende italiane

31 Luglio 2013 Commenti chiusi

E-commerce, Poste Italiane firma l’accordo con il Gruppo China Post per mettere a disposizione delle aziende italiane la piattaforma di shopping on line “Made in Italy” per vendere sul mercato cinese. “Da oggi le aziende italiane potranno disporre di una soluzione efficace per sviluppare il loro business in Cina”, spiega l’Ad di Poste Italiane Massimo Sarmi. Rafforzata la partnership strategica con la Cina con la firma di altri protocolli nel settore finanziario, assicurativo, postale e del money transfer.

DSC_4714 copia

Poste Italiane apre le porte della Cina alle aziende italiane che puntano sull’eCommerce. Grazie all’Accordo commerciale firmato a Pechino dall’Amministratore Delegato di Poste Italiane, Massimo Sarmi, le aziende italiane interessate alla penetrazione commerciale in Cina potranno vendere i loro prodotti sul portale Ule (www.ule.com), la “vetrina” di shopping on line gestita da China Post e da Tom Group. La piattaforma Ule offre oltre 150 mila prodotti, ha un milione e mezzo di utenti registrati e un milione di pagine viste ogni giorno.

L’intesa stabilisce che i marchi tricolori siano collocati sugli scaffali virtuali del Padiglione “Made in Italy” che sarà attivo entro il prossimo mese di novembre all’interno del portale Ule. In questo modo le aziende italiane avranno a disposizione la chiave d’accesso ad un mercato che vale 265 miliardi di dollari, che nel 2012 ha acquistato prodotti italiani per un valore di 9 miliardi di euro (con preferenze per oggetti in pelle, abbigliamento e gioielleria), e che fa segnare una crescita della domanda di prodotti italiani di oltre il 20% negli ultimi 2 anni.

Logo Poste Italiane

Da oggi le aziende italiane potranno disporre di una soluzione efficace per sviluppare il loro business in Cina – spiega l’Ad, Massimo SarmiPoste Italiane potrà assicurare supporto e assistenza tecnica e logistica alle imprese interessate nella fase di start up, un sostegno particolarmente importante per le Pmi, che puntano all’eCommerce sul mercato cinese ma che da sole avrebbero grosse difficoltà ad affacciarsi su questa realtà a causa della onerosità degli investimenti e delle difficoltà di carattere linguistico, fiscale e amministrativo. L’accordo – aggiunge Sarmi – ribadisce il ruolo di player internazionale di Poste Italiane nel settore dell’eCommerce e ne conferma le capacità di fare sistema offrendo un contributo importante alla promozione di tutto il made in Italy”.

L’Accordo commerciale affida a Poste Italiane l’attività di promozione del progetto e il compito di selezione delle aziende nazionali interessate a vendere i propri prodotti sulle vetrine di Ule, che daranno massima visibilità ai marchi del made in Italy. Poste Italiane assicurerà il necessario supporto alle imprese nella definizione dell’offerta e del prezzo di lancio dei prodotti, nella logistica, nelle operazioni di pagamento e nel servizio di customer care delle aziende italiane come trait d’union con il servizio clienti cinese.

Nel corso della missione cinese Poste Italiane ha firmato un accordo sull’interoperabilità delle carte di credito con China Union Pay International (Cup), il principale circuito cinese di carte di pagamento e di servizi interbancari, gestore di oltre 3 miliardi di carte di credito. In base all’intesa i possessori di carte di credito appartenenti al circuito cinese di Cup possono accedere alle operazioni finanziarie e di prelievo di contante dai 7.000 sportelli automatici di Poste Italiane presenti in tutta Italia.

L’accordo punta inoltre ad estendere ai possessori delle carte aderenti al circuito China Union Pay anche altri servizi offerti da Poste Italiane attraverso la rete degli ATM e a sviluppare il servizio di trasferimento fondi internazionali da carta a carta.

Poste Italiane ha contestualmente rafforzato il suo rapporto di collaborazione con China Post sottoscrivendo due altri Memorandum d’intesa, l’uno nel campo assicurativo e l’altro nel settore della logistica. L’accordo assicurativo siglato con China Post Life Insurance, società controllata da China Post, prevede l’avvio di una collaborazione per lo sviluppo di prodotti in co-branding e revenue sharing sui mercati cinese e italiano. Inoltre Poste Italiane ha sottoscritto un accordo con l’operatore postale di Pechino che amplia l’intesa già firmata nei mesi scorsi sul flusso in entrata Cina-Italia di pacchi internazionali fino a 2 kg di peso, allargando l’accordo anche al movimento di pacchi in uscita dall’Italia verso la Cina. In tal modo, gli acquisti fatti sulla piattaforma di shopping ULE viaggeranno in modo sicuro e garantito dai due operatori postali nazionali.
Poste Italiane e China Post hanno infine ampliato la partnership nei servizi di money transfer attraverso Eurogiro per la popolazione cinese residente in Italia, introducendo anche il servizio di Cash on delivery. Il mercato del money transfer tra Italia e Cina vale, secondo i dati diffusi dalla Banca d’Italia, circa 2,5 miliardi di euro, ovvero il 34% dell’intero volume annuo di trasferimenti dall’Italia all’estero.

FONTE: Poste Italiane

echo '';